Gli esperti sono concordi sul fatto che quest’opera sia stata compilata in tempi post-ellenici. Dice che i solstizi sono nei punti iniziali del Capricorno e del Cancro e che gli equinozi sono nei punti iniziali di Ariete e Bilancia e questa affermazione effettivamente sembra essere della prima metà del 1mo millennio d.C. Tuttavia, un po’ più in basso nello stesso capitolo, il VP 2-8:76-79 dice che quando il Sole è nel terzo quarto di Viśākhā e la Luna piena nel primo quarto di Kṛttikā è l’equinozio d’autunno. Questa sentenza è valida solo per il secondo millennio a.C. Quindi è ovvio che materiale molto vecchio e molto giovane sono mescolati insieme.

अयनस्योत्तरस्यादौ मकरं याति भास्कर |
ततः कुम्भं च मीनं च राशे राश्यन्तरं द्विज || २८ ||
ayanasyottarasyādau makaraṃ yāti bhāskaraḥ |
tataḥ kumbhaṃ ca mīnaṃ ca rāśe rāśyantaraṃ dvija || 28 ||

All’inizio del suo corso settentrionale, il Sole passa al Capricorno, quindi all’Acquario, quindi ai Pesci, passando successivamente da un segno zodiacale a un altro.

त्रिष्व् एतेष्व् अथ भुक्तेषु ततो वैष्उवतीं गतिम् |
प्रयाति सविता कुर्वन्न् अहोरात्रं तत समम् || २९ ||
triṣv eteṣv atha bhukteṣu tato vaiṣuvatīṃ gatim |
prayāti savitā kurvann ahorātraṃ tataḥ samam || 29 ||

Dopo averli attraversati, il Sole raggiunge l’equinozio [di primavera], quando il giorno e la notte sono di uguale durata.

ततो रात्रिः क्षयं याति वर्धते ‘नुदिनं दिनम् || ३० ||
tato rātriḥ kṣayaṃ yāti vardhate ‘nudinaṃ dinam || 30 ||

Da allora in poi la lunghezza della notte diminuisce e il giorno si allunga.

ततश् च मिथुनस्यान्ते परां काष्ट्हाम् उपागत |
राशिं कर्कटकं प्राप्य कुरुते दक्षिण्आयनम् || ३१ |
tataś ca mithunasyānte parāṃ kāṣṭhām upāgataḥ |
rāśiṃ karkaṭakaṃ prāpya kurute dakṣiṇāyanam || 31 ||

Fino a quando il Sole raggiunge la fine dei Gemelli, poi prosegue per una direzione diversa, entrando in Cancro inizia la sua declinazione sud.

(Vishnu Purana 2-8:28-31)

Se i versi 28-31 sono stati composti durante l’era cristiana, senza alcun dubbio, le osservazioni astronomiche alla base dei versi 76-79 datano dall’inizio, alla metà del 2do millennio a.C. L’opera risulta essere un conglomerato di osservazioni di epoche molto diverse. Astronomicamente parlando, ci sono 2000 anni tra il passaggio che segue e quello sopra.

प्रथमे कृत्तिकाभागे यदा भास्वांस् तदा शशी |
विशाखानां चतुर्थे ‘श्ए मुने तिष्ठत्य् असंश्अयम् || ७६ ||
prathame kṛttikābhāge yadā bhāsvāṃs tadā śaśī |
viśākhānāṃ caturthe ‘ṃśe mune tiṣṭhaty asaṃśayam || 76 ||

Quando il Sole è nella prima parte di Kṛttikā, allora la Luna piena, senza alcun dubbio si trova nella terza parte di Viśākhā.

विशाखानां यदा सूर्यश् चरत्य् अंश्अं तृतीयकम् |
तदा चन्द्रं विजानीयात् क्ऋत्तिकाशिरसि स्थितम् || ७७ ||
viśākhānāṃ yadā sūryaś caraty aṃśaṃ tṛtīyakam |
tadā candraṃ vijānīyāt kṛttikāśirasi sthitam || 77 ||

Quando il Sole entra nella terza parte di Viśākhā, allora bisogna sapere che la Luna piena si trova all’inizio di Kṛttikā.

तदैव विष्उवाख्यो ‘यं काल्अ पुण्यो ‘भिधीयते |
तदा दानानि देयानि देवेभ्य प्रयतात्मभि || ७८ ||
tadaiva viṣuvākhyo ‘yaṃ kālaḥ puṇyo ‘bhidhīyate |
tadā dānāni deyāni devebhyaḥ prayatātmabhiḥ || 78 ||

Questo è il tempo sacro che viene chiamato equinozio. Quindi le persone di natura devota portano doni agli dei.

ब्रह्मणेभ्यः पितृभ्यश् च मुखम् एतत् तु दानाजम् |
दत्तदानस् तु विषुवे कृतकृत्यो ‘भिजायते || ७९ ||
brahmaṇebhyaḥ pitṛbhyaś ca mukham etat tu dānājam |
dattadānas tu viṣuve kṛtakṛtyo ‘bhijāyate || 79 ||

Per i brahmana e gli antenati, questo è l’inizio (bocca) che genera i doni. Chiunque abbia portato doni durante l’equinozio, diviene colui che ha fatto ogni cosa, questo deve essere fatto.

(Vishnu Purana 2-8:76-79)

Il Vishnu Purana è un’opera dell’inizio del primo millennio d.C., con inserimenti molto vecchi, oppure è un’opera del secondo millennio a.C, con inserimenti posteriori, dovuti alle continue riproduzioni (copie)???