Le dodici forme del Sole

Satanika chiese: “Samba installò in quel luogo una statua del Sole, ma prima di allora non c’era, quindi perché ritenete quel luogo così importante?”.
Sumantu rispose: “Il tempio de Sole già esisteva da molto tempo, Samba vi andò ad abitare molto dopo. In quel luogo, nella forma di Mitra, il Sole fece penitenza. Venne alla luce dal ventre di Aditi con dodici forme, dopo aver creato i Sura e gli esseri viventi, in quanto figlio di Aditi egli è detto Aditya. Quelle che seguono sono le dodici forme: Indra, Dhata, Parjanya, Pusha, Twashta, Aryama, Bhaga, Vivaswan, Anshu, Vishnu, Varuna e Mitra.
Come Indra divenne il Re dei Sura, colui che uccide i Daitya e i Danava. Come Dhata è il patriarca che ha creato il mondo. Come Parjanya è i raggi e la pioggia di Amrita. Come Pusha è il mantra che nutre la gente. Come Twashta è la vegetazione. Come Aryama dimora nelle città per proteggere la gente. Come Bhaga abita le montagne. Come Vivaswan è il fuoco che fa digerire i cibi mangiati da tutti gli esseri. Come Anshu è la Luna e la forza del mondo. Come Vishnu è l’uccisore dei Daitya. Come Varuna è il datore di vita, vive nei mari e per questo motivo è chiamato Varunalaya. Come Mitra vive sulle rive della Chandrabhaga per il bene di tutti gli esseri.
Per questo motivo quel luogo è chiamato Mitrapada o Mitravana. Samba si recò in quel luogo solo per adorare il Sole. E’ solo per sua volontà che la statua fu installata”.