ORA UNA LEZIONE SUGLI AVATARA

“O signore tra i muni! Tra gli avatara, quali Rama, Krishna, ecc., vi prego, spiegate, il signore Rama possiede una porzione di jiva?”
“O saggio, Rama, Krishna, Nrisimga e Sukara sono avatara plenari. Gli altri sono dotati di jiva. Di fatto, il paramatma che è il non nato, ha dato origine a molti avatara. Janardana, nella forma dei pianeti, elargisce i frutti del karma agli esseri viventi.
Per distruggere il potere dei daitya, per incrementare la forza dei deva, allo scopo di stabilire il dharma, nato dai pianeti, in successione ha preso molte nascite. Rama discende dal Sole, Krishna dalla Luna, Narisimga da Marte e Buddha da Mercurio. Vamana da Giove, Parasurama da Venere, Kurma da Saturno, Varaha dal Nodo Lunare Nord e Mina dal Nodo Lunare Sud. In verità, questi e anche gli altri nascono dai pianeti. Tutti quelli in cui predomina il paramatma sono detti erranti nel cielo.
Coloro in cui predomina la jiva, sono chiamati esseri viventi. Coloro in cui predomina il paramatma sono emersi dai pianeti, quali: il Sole, ecc. Rama, Krishna, ecc., invero sono tutti avatara. Quindi, in verità essi si dissolveranno di nuovo, per poi tornare e questo per sempre.
Coloro che emergono da una porzione di jiva nascono come persone. In verità, poi si dissolveranno per emergere nel non manifesto. In verità, tutto questo è e sarà, conoscere questo, equivale a conoscere i particolari degli esseri che verranno all’esistenza. Senza questa scienza, non è possibile conoscere altro. Pertanto, dovrebbe essere studiata, in particolare dai brahmana. Una persona che non conosce lo shastra sulla scienza della divinazione deve vergognarsi. Questa persona dopo aver sofferto in raurava, rinascerà cieco”.