SEZIONE 6
Lokapala Sabhakhayana Parva- seguito

Vaisampayana continuò: finito di parlare Narada, umilmente Yudhishthira lo adorò e debitamente cominciò a rispondere alle domande che gli sono state poste. Yudhishthira disse: “O Benedetto, le verità che hai esposto, riguardo la legge e la morale sono giuste e proprie. Le sto debitamente osservando con tutte le mie forze. Non ho dubbi a riguardo, le azioni portate a termine dagli antichi Re, sono viste come portatrici di frutti e possono essere adoperate per ottenere i propri scopi. O maestro, desidero camminare sul virtuoso sentiero di quei Re, i quali avevano i sensi sotto controllo”.
Vaisampayana continuò: Il grande brillante figlio di Pandu, dopo aver ascoltato con dovuta reverenza le parole di Narada e aver dato la sua risposta, riflette per un attimo. Sfruttando il momento opportuno, il Re, che stava seduto vicino a Narada, il quale era capace di recarsi in ogni luogo a suo piacimento, in presenza dell’assemblea chiese.
Yudhishthira chiese: “Voi potete viaggiare alla velocità del pensiero, voi potete viaggiare nei più svariati mondi che un tempo furono creati da Brahma, voi potete andare ogni dove e vedere ogni cosa. O Brahmana, ditemi, nei luoghi dove siete stato, avete mai visto una sala delle assemblee bella come la mia o più bella?
Vaisampayana continuò: Udite le parole di Dharmaraja, Narada sorrise e con dolci parole disse: “O figlio, o monarca, o discendente di Bharata, tra gli umani, non ho mai visto una sala delle assemblee, costruita con gemme preziose, che eguagli la vostra. Vi descriverò la sala delle assemblee del Re dei Pitra (Yama), quella dell’intelligente Varuna, di Indra e quella di Kuvera, che si trova in Kailasha. Vi descriverò la sala delle assemblee di Brahma, colui che disperde tutte le miserie. Tutte queste sale, nelle loro strutture, mostrano umane e celestiali disegni, in esse sono presenti ogni forma che esiste in questo universo. Queste sono venerate dagli Esseri Celesti, dai Pitri, dai Gana, dai Sadhya, dagli asceti dalla mente controllata impiegati nei sacrifici e dai Rishi, che sono impiegati nei sacrifici vedici con Dakshina. O migliore tra i Bharata, se la vostra mente è disposta ad ascoltarmi, ve le descriverò”.
Vaisampayana continuò: ascoltate le parole di Narada, quella grande anima di Yudhishthira, insieme ai suoi fratelli e tutti i Brahmana presenti, unirono le mani in segno di assenso. Quella grande mente di Dharmaraja, disse: “Descrivete tutte queste sale delle assemblee. Tutti noi desideriamo sapere a riguardo di queste. O Brahmana, con quale materiale sono state costruite? Quant’è grande la loro area, quanto sono larghe e lunghe? Chi accudisce il signore di queste sale? Chi accudisce il signore degli Esseri Celesti (Indra)? Chi accudisce il figlio di Vivashvata (Yama)? Chi accudisce Varuna? Chi accudisce Kuvera? O Brahmarishi, descrivici queste sale. Siamo desiderosi di sapere. Siamo colmi di curiosità”.
Narada replicò: “O monarca, ascoltate, vi descriverò una dopo l’altra tutte queste sale delle assemblee”.