Vasta collezione di opere vediche


Possa il colto trarre piacere dal comprendere gli argomenti trattati! Possa lo stolto divertirsi nel ridicolizzarmi, incapace di capire quanto scritto!

Baskara Acharya – Siddhanta Shiromani 1:5

Indologia
Opere in Devanagari

PURANA
Le origini dell’umanità

ASTRONOMIA
Antiche osservazioni

ASTROLOGIA
Lo zodiaco delle Nakshatra

Chi non presta attenzione agli intricati problemi inerenti all’astronomia, che non conosce gli innumerevoli ragionamenti della parte astronomica della scienza, è come l’immagine di un re dipinta su un muro o come un bellissimo leone in legno ed è uno Jyotish (astrologo) solo di nome.

Bhaskara Acharya Siddhanta Shiromani 1:7

Gli studiosi chiamano questi libri Siddhanta…

La più elevata tra le scienze, segreta e suprema, deve essere studiata dal più colto tra gli uomini. In tal modo acquisirà Dharma (conoscenza delle leggi universali), Artha (denaro o status nella società) e Kama (o desiderio, potere e fama) – Siddhanta Shiromani 1:12

Vi sono libri di antichi astronomi che contengono osservazioni intelligenti, ma quest’opera è iniziata per spiegare alcune aree speciali dei loro trattati. Colmerò le carenze dei lavori precedenti, apporterò miglioramenti, quindi chiedo ai matematici dalla mente fertile, di analizzare per intero la mia opera – Siddhanta Shiromani 1:4

Leggi le opere di astronomia

Letteratura vedica

Vedi i contenuti


Mahabharata


Il libro antico più lungo del mondo


Ramayana


La più grande tra le opere epiche


Upanishad


Vasta collezione di opere filosofiche

Nahusha, Agastya, Kasyapa, Rohini, ecc.

Thuban in sanscrito è Nahusha, in ebraico è Nehushtan, stella della costelazione del Drago.

Il mito della detronizzazione degli Indra. Thuban diviene la stella polare, Nahusha diviene Indra. Nehushtan è il serpente costruito da Mosè. Lucifero l’antico dragone, l’antico Nahash che voleva salire sul monte più alto del settentrione…

VIMANA

Antiche astronavi

Sconfitto dai Vrishni, il malvagio Salya, a bordo del Saubha Vimana, costruito con metalli rari, lasciò Dwarka e volando sparì nel cielo…

Mahabharata
Vana Parva
Arjunabhighama Parva 19
Verso 26

Leggi il Mahabharata

ALIENI

Antiche razze aliene

Sconosciuta a tutti, gli umani ignorano questa cosa. Questa è tenuta segreta dagli Esseri Celesti, è una potente energia misteriosa…

Mahabharata
Vana Parva
Arjunabhigamana parva 31
versi 36-37

Leggi il Mahabharata

ASTRA

Armi potentissime

Poi fissai e lanciai la potente arma chiamata Pragna-Astra. L’arma partì, volava come un fiocco di cotone spinto dal vento…

Mahabharata
Vana Parva
Arjunabhigamana Parva 20
Versi 40-41

Leggi il Mahabharata

Quando mancavano ottomila duecentodue anni al termine dello Dvapara Yuga, la Terra cominciò ad essere controllata dai Mlechcha. Il primo uomo fu Adama, la prima donna fu Havyavati.

“I’ve failed over and over again in my life. And that is why I succeed.”

Hari costruì per loro un vasto giardino ad Est della città di Pradana. Questo era lungo quattro Krosa. La vi era un albero Papa. Kali assumendo la forma di un serpente si avvicinò ad Havyavati e la nutrì con un frutto avvolto in foglie di Gulara. Così Havyavati disobbedì a Vishnu. Questo gli premise di generare molti figli che furono chiamati Mlechcha. La vita di Adama fu di novecentosettanta anni… (Bhavishya Purana – Pratisarga Parva – Sezione 5 -Versi 15-20)

Leggi il Bhavishya Purana

Io faccio assegnamento e mi rifugio nella Parola che si manifesta come Rig Veda

Rig Veda

Io faccio assegnamento e mi rifugio nella Mente che si manifesta come Yajur Veda

Yajur Veda

Io faccio assegnamento e mi rifugio nel Respiro che si manifesta come Sama Veda

Sama Veda

Io  mi rifugio nella Vista e nell’Udito che si manifestano come Atharva Veda

Atharva Veda

AGASTYA: SAGGIO E STELLA

La stella Canopo e il saggio Agastya, portano lo stesso nome. Nel Nord dell’India, alla latitudine di Delhi, la stella non era visibile prima del 3100 a.C. Il Mahabharata ci racconta di un tempo remoto, quando i monti Vindhya erano in formazione, dall’oceano stavano emergendo nuove terre e il Gange ancora non scorreva. Quello è il periodo in cui il saggio, viaggiando verso Sud, attraversò i monti Vindhya. (Mahabharata – Vana Parva).