Le parole sono soggette a interpretazioni, questa è la causa prima del nascere dei culti. La verità sta nelle definizioni. Ogni culto definisce il rivale blasfemo e lo condanna all’inferno.
Con i numeri è diverso, hanno inventato la “numerologia biblica”. Quando qualcosa non è comune all’ambiente che lo circonda, non ha lo stesso significato in altra letteratura, è palesemente falso. Se confrontiamo i numeri, troviamo il significato originale, arrivando a capire chi è YHWH.

Come esempio, utilizziamo le misure dell’Arca di Noè.

Allora Dio disse a Noè: «Nei miei decreti, la fine di ogni essere vivente è giunta poiché la terra, a causa degli uomini, è piena di violenza; ecco, io li distruggerò, insieme con la terra. Fatti un’arca di legno di gofer; falla a stanze, e spalmala di pece di dentro e di fuori. Ecco come la dovrai fare: la lunghezza dell’arca sarà di trecento cubiti, la larghezza di cinquanta cubiti e l’altezza di trenta cubiti. Farai all’arca una finestra, in alto, e le darai la dimensione d’un cubito; metterai la porta da un lato, e farai l’arca a tre piani: uno da basso, un secondo e un terzo piano. (Gen 6:13-16 NRV).

Nella Bibbia, il “cubito ordinario” è detto “cubito d’uomo” (sanscrito “hasta”). Il cubito è quella parte che va dal gomito alla punta delle dita. Le sue sottodivisioni sono la “spanna” (sanscrito “vitasti), il “palmo” e il “dito” (sanscrito “angulas”).

Tutti possiamo constatare che un “cubito/hasta” è uguale a due “spanne/vitasti” della nostra mano. Che un “cubito/hasta” è uguale a sei “palmi” della nostra mano (le quattro dita, quelle che vanno dall’indice al mignolo). Che un “cubito” è uguale a 24 “dita/angula” (della nostra mano).

1 cubito/hasta = 2 spanne/vitasti
2 spanne/vitasti = 6 palmi
6 palmi = 24 dita/angula

L’idea (che per noi è quella greca) del “macrocosmo” (ciò che sta in cielo) e del “microcosmo” (il corpo umano) può essere un esempio. Attraverso il corpo umano si poteva riprodurre sulla Terra quello che sta in cielo. Questo si esprimeva attraverso l’architettura. Curiosa è la “misura lineare” dell’arca di Noè. Il suo totale è di 1728 cubiti.

DIMENSIONI ESTERNE DELL’ARCA
Lunghezza 300 cubiti
Larghezza 50 cubiti
Altezza 30 cubiti

DIMENSIONI DELLA FINESTRA
Larghezza 1 cubito
Altezza 1 cubito

Sommando tra loro la lunghezza di tutte le “linee” dell’arca (incluse quelle della finestra) otteniamo 1728.

ARCA
300 X 4 = 1200
50 X 4 = 200
30 X 4 = 120
TOTALE = 1520

FINESTRA
1 X 4 = 4
1 X 4 = 4
50 X 4 = 200
TOTALE = 208

Somma dei due risultati
1520 + 208 = 1728

Il 1728 compare molte volte nella Bibbia, per esempio il perimetro del “santissimo” della “Tenda” era di 1728 dita, ecc.

Se moltiplichiamo il numero 3 volte per 10, otteniamo 1728000, la durata del Krita Yuga. Abbiamo l’idea vedica del Diluvio che si ripete a ogni cambio di Yuga, e dell’arca che conduce verso un nuovo Yuga, nel nostro caso verso un nuovo Krita Yuga.

Misura lineare dell'arca di Noè