sabato, Maggio 21, 2022
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeBrihat Parasara Hora Shastra - ItalianoBPHS - Il processo della manifestazione cosmica - 001

BPHS – Il processo della manifestazione cosmica – 001

Brihat Parasara Hora Shastra

Sezione 1

Ora il grande manuale di oroscopo di Parasara

अथ बृहत्पाराशरहोराशास्त्रम् ॥
atha bṛhatpārāśarahorāśāstram ||

atha = ora; bṛhat = grande; pārāśara = nome proprio di persona; horā = oroscopo; śāstram = manuale di istruzione.

Ora, il grande manuale di oroscopo di Parasara.

गजाननं भूतगणादिसेवितं कपित्थजम्बूफलसारभक्षणम् ।
उमासुतं शोकविनाशकारणं नमामि विघ्नेश्वरपादपङ्कजम् ॥०॥
gajānanaṃ bhūtagaṇādisevitaṃ kapitthajambūphalasārabhakṣaṇam |
umāsutaṃ śokavināśakāraṇaṃ namāmi vighneśvarapādapaṅkajam ||0||

gajānanaṃ = testa di elefante; bhūtagaṇādisevitaṃ = servito da una moltitudine di esseri, ecc.; kapitthajambūphalasārabhakṣaṇam = colui che mangia il meglio dei frutti Kapittha e Jambu; umāsutaṃ = figlio di Uma; śokavināśakāraṇaṃ = causa della rimozione del dolore; namāmi = rendo omaggio; vighneśvarapādapaṅkajam = piedi di loto Vighneśvar.

Rendo omaggio ai piedi di loto di Vighneshvara1, il testa di elefante, servito da moltissimi esseri, ecc., che mangia il meglio dei frutti kapittha2 e jambu3, figlio di Uma4 e causa della rimozione del dolore.

सृष्टिक्रमकथनाध्यायः ॥१॥
sṛṣṭikramakathanādhyāyaḥ ||1||

sṛṣṭi = manifestazione; krama = processo; kathana = narrazione; adhyāya = sezione.

Sezione che narra del processo della manifestazione (cosmica).

अथैकदा मुनिश्रेष्ठं त्रिकलज्ञं पराशरम् ।
पप्रच्छोपेत्य मैत्रेयः प्रणिपत्य कृताञ्जलिः ॥१॥
athaikadā muniśreṣṭhaṃ trikalajñaṃ parāśaram |
papracchopetya maitreyaḥ praṇipatya kṛtāñjaliḥ ||1||

athaikadā = ora, molto tempo fà; muniśreṣṭhaṃ = il migliore dei muni; trikalajñaṃ = colui che conosce i tre tempi parāśaram = parasara; papracchopetya = avvicinatosi chiese; maitreyaḥ = maitreya; praṇipatya = essendosi prostrato; kṛtāñjaliḥ = fatto.

Un tempo, Maitreya5 ebbe l’onore di incontrare Parasara il migliore tra i muni6, colui che conosce i tre tempi7, prostratosi chiese:

भगवन् परमं पुण्यं गुह्यं वेदाङ्गमुत्तमम् ।
त्रिस्कन्धं ज्यौतिषं होरा गणितं संहितेति च ॥२॥
bhagavan paramaṃ puṇyaṃ guhyaṃ vedāṅgamuttamam |
triskandhaṃ jyautiṣaṃ horā gaṇitaṃ saṃhiteti ca ||2||

Bhagavan = signore; paramaṃ = il più; puṇyaṃ = sacro; guhyaṃ = nascosto; vedāṅgamuttamam = il più elevato dei vedanga; triskandhaṃ = tre divisioni; jyautiṣaṃ = dello jyotish; horā = hora; gaṇitaṃ = ganita; saṃhiteti = samhita; ca = e.

“Bhagavan8, le tre divisioni [quali] hora9, ganita10 e samhita11 dello jyotish12, il più sacro, il più misterioso, il migliore tra i vedanga13 e

एतेष्वपि त्रिषु श्रेष्ठा होरेति श्रूयते मुने ।
त्वत्तस्तां श्रोतुमिच्छामि कृपया वद मे प्रभो ॥ ३॥
eteṣvapi triṣu śreṣṭhā horeti śrūyate mune |
tvattastāṃ śrotumicchāmi kṛpayā vada me prabho ||3||

eteṣvapi = anche tra quelli; triṣu = tra tre; śreṣṭhā = migliore; horeti = hora; śrūyate = abbiamo udito; mune = saggio; tvattastāṃ = da te che; śrotumicchāmi = io desidero ascoltare; kṛpayā = compassionevole; vada = puoi rccontare; me = a me; prabho = maestro.

tra queste tre, viene detto che [hora] sia la migliore. Muni, maestro, questo desidero ascoltare, con compassione puoi raccontare

कथं सृष्टिरियं जाता जगतश्च लयः कथम् ।
खस्थानां भूस्थतानां च सम्बन्धं वद विस्तरात् ॥४॥
kathaṃ sṛṣṭiriyaṃ jātā jagataśca layaḥ katham |
khasthānāṃ bhūsthatānāṃ ca sambandhaṃ vada vistarāt ||4||

kathaṃ = come; sṛṣṭiriyaṃ = questa manifestazione; jātā = è sorta; jagataśca = del mondo e; layaḥ = dissolversi; katham = come; khasthānāṃ = di quelli che esistono in cielo; bhūsthatānāṃ = di quelli che esistono sulla terra; ca = e; sambandhaṃ = la relazione; vada = puoi raccontare; vistarāt = dettagliatamente.

di come nasce questa manifestazione del mondo e come si dissolve? Narra nel dettaglio, l’intera storia di ciò che è in cielo e di ciò che è in terra e della loro relazione”.

साधु पृष्टं त्वया विप्र लोकानुग्रहकारिना ।
अथाहं परमं ब्रह्म तच्छक्तिं भारतीं पुनः ॥५॥
sādhu pṛṣṭaṃ tvayā vipra lokānugrahakārinā |
athāhaṃ paramaṃ brahma tacchaktiṃ bhāratīṃ punaḥ ||5||

sādhu = virtuoso; pṛṣṭaṃ = interrogato; tvayā = da te; vipra = vipra; lokānugrahakārinā = con l’atto di mostrare favore al mondo; athāhaṃ = quindi io; paramaṃ = eccellentissimo; brahma = brahma; tacchaktiṃ = shakti; bhāratīṃ = di bharata; punaḥ = ancora.

“O virtuoso, o vipra14, la tua domanda è saggia e riguarda il bene del mondo. Ora io [sottomesso] al supremo Brahma15, così come al Bharata16, la shakti17 di quello [narro].

सूर्य नत्वा ग्रहपतिं जगदुत्पत्तिकारण्म् ।
वक्ष्यामि वेदनयनं यथा ब्रह्ममुखाच्छ्रुतम् ॥६॥
sūrya natvā grahapatiṃ jagadutpattikāraṇam |
vakṣyāmi vedanayanaṃ yathā brahmamukhācchrutam ||6||

sūrya = al sole; natvā = prostrato; grahapatiṃ = il signore dei pianeti; jagadutpattikāraṇam = causa dell’origine del mondo; vakṣyāmi = io dichiaro; vedanayanaṃ = l’occhio del veda; yathā = come; brahmamukhācchrutam = dalla bocca di brahma ho udito.

Prostrato al Sole, il signore dei pianeti e causa dell’origine del mondo, dichiaro l’occhio del Veda come udito dalla bocca di Brahama.

शान्ताय गुरुभक्ताय सर्वदा सत्यवादिने ।
आस्तिकाय प्रदतव्यं ततः श्रेयो ह्यवाप्स्यति ॥७॥
śāntāya gurubhaktāya sarvadā satyavādine |
āstikāya pradatavyaṃ tataḥ śreyo hyavāpsyati ||7||

śāntāya = al tranquillo; gurubhaktāya = al devoto al guru; sarvadā = sempre; satyavādine = al predicatore della verità; āstikāya = al fedele; pradatavyaṃ = viene dato; tataḥ = quindi; śreyo = i buoni auspici; hyavāpsyati = in effetti acquisisce.

Questo viene concesso alle persone pacifiche, veritiere e sempre devote al guru18 al predicatore di verità. Solo queste otterranno i buoni auspici.

न देयं परशिष्याय नास्तिकाय शठय वा ।
दत्ते प्रतिदिनं दुःखं जायते नात्र संशयः ॥८॥
na deyaṃ paraśiṣyāya nāstikāya śaṭhaya vā |
datte pratidinaṃ duḥkhaṃ jāyate nātra saṃśayaḥ ||8||

na = non; deyaṃ = viene dato; paraśiṣyāya = a uno studente ostile; nāstikāya = all’infedele; śaṭhaya = al disonesto; vā = o; datte = quando dato; pratidinaṃ = giorno dopo giorno; duḥkhaṃ = sgradevole; jāyate = soprafatto; nātra = non qui; saṃśayaḥ = dubbio.

Non deve essere concesso a uno studente ostile, infedele e disonesto. Se concesso, giorno dopo giorno sarà sopraffatto dalla bruttura come risultato dei suoi dubbi.

एकोऽव्यक्तात्मको विष्णुरनादिः प्रभुरीश्वरः ।
शुद्धसत्वो जगत्स्वामी निर्गुणस्त्रिगुणान्वितः ॥९॥
eko’vyaktātmako viṣṇuranādiḥ prabhurīśvaraḥ |
śuddhasatvo jagatsvāmī nirguṇastriguṇānvitaḥ ||9||

eko’vyaktātmako = solo, composto dall’immanifesto; viṣṇuranādiḥ = vishnu che non ha inizio; prabhurīśvaraḥ = il potente ishvara; śuddhasatvo = puro satva; jagatsvāmī = signore del mondo; nirguṇastriguṇānvitaḥ = che trascende i guna pur possedendo i tre guna.

L’uno non manifesto, il senza inizio, il potente Ishvara19, puro sattva20, il sostegno del mondo, dotato dei tre guna21 ma che trascende i guna.

संसारकारकः श्रीमान्निमित्तात्मा प्रतापवान् ।
एकांशेन जगत्सर्व सृजत्यवति लीलया ॥१०॥
saṃsārakārakaḥ śrīmānnimittātmā pratāpavān |
ekāṃśena jagatsarva sṛjatyavati līlayā ||10||

saṃsārakārakaḥ = agente del samsara; śrīmānnimittātmā = fortunato strumento dell’atma; pratāpavān = posseduto dallo splendore; ekāṃśena = con una porzione; jagatsarva = tutto il mondo; sṛjatyavati = si crea, si anima; līlayā = con divertimento.

L’agente del samsara22, lo strumento dell’atma23, posseduto dallo splendore e che con una porzione, giocoso manifesta e anima il mondo.

त्रिपादं तस्य देवत्य ह्यमृतं तत्त्वदर्शिनः ।
विदन्ति तत्प्रमाणं च सप्रधानं तथैकपात् ॥११॥
tripādaṃ tasya devatya hyamṛtaṃ tattvadarśinaḥ |
vidanti tatpramāṇaṃ ca sapradhānaṃ tathaikapāt ||11||

tripādaṃ = con tre pada; tasya = di questa; devatya = del deva; hyamṛtaṃ = in effetti è amrita; tattvadarśinaḥ = coloro che conoscono i tattva; vidanti = coloro che sanno; tatpramāṇaṃ = la misura di questo; ca = e; sapradhānaṃ = con il preminente; tathaikapāt = così con un pada.

Coloro che conoscono i tattva24, che conoscono i tre pada25 di questo deva26, in effetti [conoscono] l’amrita27, il fondamento di questo pada.

व्यक्ताव्यक्तात्मको विष्णुर्वासुदेवस्तु गीयते ।
यदव्यक्तात्मको विष्णुः शक्तितद्वयसमन्वितः ॥१२॥
vyaktāvyaktātmako viṣṇurvāsudevastu gīyate |
yadavyaktātmako viṣṇuḥ śaktitadvayasamanvitaḥ ||12||

vyaktāvyaktātmako = composto dal manifesto e non manifesto; viṣṇurvāsudevastu = vishnu vasudeva ma; gīyate = posto in uno stato; yadavyaktātmako = composto da ciò che non è manifesto; viṣṇuḥ = vishnu; śaktitadvayasamanvitaḥ = possedeva una doppia śakti.

Vishnu28 Vasudeva29, il manifesto e immanifesto, nello stato di immanifesto Vishnu possedeva una duplice shakti.

व्यक्तात्मकस्त्रिभिर्युक्तः कथ्यतेऽनन्तशक्तिमान् ।
सत्त्वप्रधाना श्रीशक्तिर्भूशक्तिश्च रजोगुणा ॥१३॥
vyaktātmakastribhiryuktaḥ kathyate’nantaśaktimān |
sattvapradhānā śrīśaktirbhūśaktiśca rajoguṇā ||13||

vyaktātmakastribhiryuktaḥ = composto dal manifesto con le tre congiunte; kathyate’nantaśaktimān = è dichiarato che possedeva l’eterna shakti; sattvapradhānā = sattva imperante; śrīśaktirbhūśaktiśca = sri shakti, bhu shakti e; rajoguṇā = raja guna.

Viene detto che nello stato di manifesto, unito alle tre possedeva l’eterna shakti. In sri shakti predomina sattva, in bhu shakti predomina raja guna.

शक्तिस्तृतीया या प्राक्ता नीलाख्या ध्वान्तरूपिणी ।
वासुदेवश्चतुर्थोऽभूच्छ्रीशक्त्या प्रेरितो यदा ॥१४॥
śaktistṛtīyā yā prāktā nīlākhyā dhvāntarūpiṇī |
vāsudevaścaturtho’bhūcchrīśaktyā prerito yadā ||14||

śaktistṛtīyā = la terza shakti; yā = quale; prāktā = è detto; nīlākhyā = chiamarsi nila; dhvāntarūpiṇī = avendo la forma dell’oscurità; vāsudevaścaturtho’bhūcchrīśaktyā = Vasudeva, quarto questo diviene con sri shakti; prerito = spinto; yadā = quando.

Si dice che la terza shakti si chiami nila e che la sua forma è tenebra. Quando spinto da sri shakti, Vasudeva diviene il quarto.

सङ्कर्षणश्च प्रद्युम्नोऽनिरुद्ध इति मूर्तिधृक् ।
तमःशक्त्याऽन्विता विष्णुर्देवः सङ्कर्षणाभिधः ॥१५॥
saṅkarṣaṇaśca pradyumno’niruddha iti mūrtidhṛk |
tamaḥśaktyā’nvitā viṣṇurdevaḥ saṅkarṣaṇābhidhaḥ ||15||

saṅkarṣaṇaśca = samkarshana; pradyumno’niruddha = pradyumna e aniruddha; iti = così; mūrtidhṛk = sostengono la forma; tamaḥśaktyā’nvitā = con tama shakti posseduta; viṣṇurdevaḥ = vishnu il deva; saṅkarṣaṇābhidhaḥ = chiamato sankarshana.

Samkarshana30, Pradyumna31 e Aniruddha32 compongono la forma. Associato con la shakti governata da tama, il deva Vishnu è chiamato Samkarshana.

प्रद्युम्नो रजसा शक्त्याऽनिरुध्हः सत्त्वया युतः ।
महान् सङ्कर्षणाज्जातः प्रद्युम्नाद्यदहङ्कृतिः ॥१६॥
pradyumno rajasā śaktyā’nirudhhaḥ sattvayā yutaḥ |
mahān saṅkarṣaṇājjātaḥ pradyumnādyadahaṅkṛtiḥ ||16||

pradyumno = pradyumna; rajasā = con raja; śaktyā’nirudhhaḥ = con la shakti aniruddha; sattvayā = con sattva; yutaḥ = congiunto; mahān = mahat; saṅkarṣaṇājjātaḥ = da samkarshana nato; pradyumnādyadahaṅkṛtiḥ = da pradyumna del quale ahamkriti.

Pradyumna è associato a raja. La shakti di Aniruddha è associata a sattva. Mahat33 nasce da Samkarshana. L’Ahamkriti34 è di Pradyumna.

अनिरुद्धात् स्वयं जातो ब्रह्माहङ्काकमूर्तिधृक् ।
सर्वेषु सर्वशक्तिश्च स्वशक्त्याऽधिकया युतः ॥१७॥
aniruddhāt svayaṃ jāto brahmāhaṅkākamūrtidhṛk |
sarveṣu sarvaśaktiśca svaśaktyā’dhikayā yutaḥ ||17||

aniruddhāt = da aniruddha; svayaṃ = di propria iniziativa; jāto = nato; brahmāhaṅkākamūrtidhṛk = sostiene le forme di ahamkara e brahma; sarveṣu = tra tutti; sarvaśaktiśca = tutte le shakti e; svaśaktyā’dhikayā = con la propria shakti predominante; yutaḥ = congiunto.

Nato spontaneamente da Aniruddha supporta le forme di Ahamkara e Brahma con tutte le shakti, tutte le shakti sono congiunte con ciò che domina ogni shakti.

अहङ्कारस्त्रिध भूत्वा सर्वमेतद्विस्तरात् ।
सात्त्विको राजसश्चैव तामसश्चेदहङ्कृतिः ॥१८॥
ahaṅkārastridha bhūtvā sarvametadvistarāt |
sāttviko rājasaścaiva tāmasaścedahaṅkṛtiḥ ||18||

ahaṅkārastridha = la triplice ahamkara; bhūtvā = divenuta; sarvametadvistarāt = tutto questo insieme; sāttviko = legato a sattva; rājasaścaiva = legato a raja e in effetti; tāmasaścedahaṅkṛtiḥ = legato a tama quando ahamkriti.

Il triplice Ahamkara è divenuto tutto questo dall’insieme, mentre Ahamkriti era relazionato a sattva, raja e in effetti a tama.

देवा वैकारिकाज्जातास्तैजसादिन्द्रियाणि ।
तामसच्चैवभू तानि खादीनि स्वस्वशक्तिभिः ॥१९॥
devā vaikārikājjātāstaijasādindriyāṇi |
tāmasaccaivabhū tāni khādīni svasvaśaktibhiḥ ||19||

deva = il deva; vaikārikājjātāstaijasādindriyāṇi = da vaikarika questi sorgono dalla relativa tejas i sensi; tāmasaccaivabhū = da ciò che è legato a tama e in effetti riguarda; tāni = quelli; khādīni = etere, ecc.; svasvaśaktibhiḥ = con la propria rispettiva shakti.

Il deva nasce da Vaikarika35. I sensi nascono da ciò che è legato a tejas36. Questo riguarda l’etere, ecc. e le loro rispettive shakti.

श्रीशक्त्या सहितो विष्णुः सदा पाति जगत्त्रयम् ।
भूशक्त्या सृजते ब्रह्मा नीलशक्त्या शिवोऽत्ति हि ॥२०॥
śrīśaktyā sahito viṣṇuḥ sadā pāti jagattrayam |
bhūśaktyā sṛjate brahmā nīlaśaktyā śivo’tti hi ||20||

śrīśaktyā = con sri shakti; sahito = unito; viṣṇuḥ = Vishnu; sadā = sempre; pāti = protegge; jagattrayam = i tre luoghi; bhūśaktyā = con bhu shakti; sṛjate = genera; brahma = brahma; nīlaśaktyā = con nila shakti; śivo’tti = shiva questi divora; hi = in effetti.

Vishnu congiunto con sri shakti protegge i tre luoghi37 per sempre. Con bhu shakti, Brahma manifesta. Con nila shakti, Shiva divora.

सर्वेषु चैव जीवेषु परमात्मा विराजते ।
सर्वं हि तदिदं ब्रह्मन् स्थितं हि परमात्मनि ॥२१॥
sarveṣu caiva jīveṣu paramātmā virājate |
sarvaṃ hi tadidaṃ brahman sthitaṃ hi paramātmani ||21||

sarveṣu = tra tutti; caiva = e in effetti; jīveṣu = tra i jiva; paramātmā = paramatma; virājate = questo brilla; sarvaṃ = tutto; hi = in effetti; tadidaṃ = questo è; brahman = brahma; sthitaṃ = stabilito; hi = in effetti; paramātmani = nel paramatma.

In effetti, tra tutti i jiva38 il paramatma39 brilla tra tutti. In effetti Brahma ha sede nel paramatma.

सर्वेषु चैव जीवेषु स्थितंह्यंशद्वयं क्वचित् ।
जीवांशो ह्यधिकस्तद्वत् परमात्मांशकः किल ॥२२॥
sarveṣu caiva jīveṣu sthitaṃhyaṃśadvayaṃ kvacit |
jīvāṃśo hyadhikastadvat paramātmāṃśakaḥ kila ||22||

sarveṣu = in tutti; caiva = e in effetti; jīveṣu = tra i jiva; sthitaṃhyaṃśadvayaṃ = in effetti due porzioni stabilite; kvacit = in ogni luogo; hyadhikastadvat = grande posseduta da questo; paramātmāṃśakaḥ = paramatma porzione; kila = in effetti.

In effetti in tutti i jiva risiedono due porzioni40. In effetti ovunque il paramatma possiede la porzione più grande.

सूर्यादयो ग्रहाः सर्वे ब्रह्मकामद्विषादयः ।
एते चान्ये च बहवः परमात्मांशकाधिकाः ॥२३॥
sūryādayo grahāḥ sarve brahmakāmadviṣādayaḥ |
ete cānye ca bahavaḥ paramātmāṃśakādhikāḥ ||23||

sūryādayo = il sole ecc.; grahāḥ = i pianeti; sarve = tutti; brahmakāmadviṣādayaḥ = brahma, il nemico di kama, ecc.; ete = questi; cānye = e altri; ca = e; bahavaḥ = molti; paramātmāṃśakādhikāḥ = grande porzione di paramatma.

Nel Sole, in tutti i pianeti. In Brahma, nel nemico di kama41, ecc., in questi e in altri, in grande abbondanza vi domina il paramatma.

शक्तयश्च तथैतेषमधिकांशाः श्रियादयः ।
स्वस्वशक्तिषु चान्यासु ज्ञेया जीवांशकाधिकाः ॥२४॥
śaktayaśca tathaiteṣamadhikāṃśāḥ śriyādayaḥ |
svasvaśaktiṣu cānyāsu jñeyā jīvāṃśakādhikāḥ ||24||

śaktayaśca = le shakti; tathaiteṣamadhikāṃśāḥ = così di queste grandi porzioni; śriyādayaḥ = shriya ecc.; svasvaśaktiṣu = tra le rispettive shakti di ciascuno; cānyāsu = e tra gli altri; jñeyā = queste sono conosciute; jīvāṃśakādhikāḥ = dei jiva le grandi porzioni.

E così le shakti di coloro che hanno una maggiore porzione di shriya42, ecc., con le rispettive shakti di ciascuno si riconoscono quelli con una maggiore porzione di jiva.”


NOTE:

1. विघ्नेश्वर (vighneśvara) – Epiteto di Ganesha.
2. कपित्थ (kapittha) – Un tipo di frutto (mela di bosco o mela selvatica).
3. जम्बू (jambū) – Un tipo di frutto (melarosa).
4. उमा (Umā) – Altro nome per Parvati, figlia dei monti Himavat e l’apsara Mina, divenuta la moglie di Maheshvara (Shiva).
5. मैत्रेय (maitreya) – Un discepolo di Parasara, il padre di Vyasa (autore del Mahabharata), e un grande saggio e dotto filosofo, uno degli oratori dello Srimad Bhagavatam.
6. मुनि (muni) – “silenzioso”, da “mauna” = “pausa”. Un termine che indica un eremita, un asceta.
7.Passato, presente e futuro.
8. भगवान् (bhagavān) – “Signore”, è un epiteto per le persone importanti.
9. होरा (horā) – il tempo, il momento, ecc.
10. गणित (gaṇita) – matematica, deriva dalla radice “gana” che significa contare o enumerare.
11. संहिता (saṃhitā) – Samhita al letterale significa “mettere insieme”, “unire”, “collezione”, “una combinazione metodica di regole”, ecc.
12. ज्योतिस् (Jyotis) – “luce”, “corpo celeste”, ecc., sinonimo di astronomia.
13. वेदाङ्ग (Vedāṅga) – Uno dei sei arti, o discipline di supporto ai Veda: 1) fonetica, 2) grammatica, 3) prosodia, 4) etimologica, 5) astronomia e 6) sistema dei cerimoniali.
14. विप्र (vipra) – Epiteto per persona colta.
15 ब्रह्मा (brahmā) – Si riferisce all’“essere immenso” antropomorfizzazione dell’universo.
16 भरत (bharata) – Qui si riferisce al fiume Sarasvati.
17. शक्ति (śakti) – Potenza, capacità, forza, energia, è la potenza o la capacità di diventare la causa della materia dell’universo è anche definita come il “compimento del non compiuto”, cioè la capacità di produrre qualcosa, la cui causa non può essere spiegata con metodi empirici.
18. गुरु (guru) – Precettore, insegnante, maestro.
19. ईश्वर (īśvara) – Qui si riferisce a Vishnu il “controllore supremo”.
20. सत्त्व (sattva) – Una delle tre qualità (guna) o costituenti di ogni cosa nell’universo. Sattva (virtù), raja (passione) e tama (ignoranza).
21. गुण (guṇa) – Al letterale “qualità”.
22. संसार (saṃsāra) – Significa “vagare”, si riferisce al concetto di reincarnazione o rinascita nelle tradizioni filosofiche indiane.
23. आत्म (ātma) – Al letterale significa “aria”, nell’uomo il “respiro”, il “soffio vitale”. Antico alto tedesco “atum” (respiro), tedesco moderno “atmen” (respirare) e “atem” (respirazione, respiro), ecc., che la classe sacerdotale ha convertito in qualcosa che sopravvive al corpo.
24. तत्त्व (tattva) – La verità, le realtà delle cose.
25. पाद (pāda) – Al letterale “piede”, spesso con il significato di “quarto”.
26. देव (deva) – Gli astri “luminosi” (i celesti) convertiti in divinità. Vedi etimologia del termine “dio”.
27. अमृता (amṛtā) – Il nettare dell’immortalità estratto dall’oceano e rubato da Garuda per ordine dei naga (serpenti). Gilgamesh trova la pianta dell’immortalità nelle profondità del mare e gli viene rubata da un serpente. Nella Bibbia il serpente si trova nei pressi dell’albero della vita.
28. विष्णु (viṣṇu) – al letterale vish (pervadente) e nu (persona), colui che pervade ogni cosa.
29. वसुदेव (vasudeva) – Nome del padre di Krishna. Qui sinonimo di Krishna come “avatara” di Vishnu.
30. सङ्कर्षण (saṅkarṣaṇa) – “Disegnare”, “contrarre”, “attirare”, “arare”, “solcare”, ecc.
31. प्रद्युम्न (pradyumna) – “illuminatore”.
32. अनिरुद्ध (aniruddha) – “incontrollato”, “sfrenato”, “senza ostacoli”, ecc.
33. महत् (mahat) – “forte”, “spesso”, ecc.
34. अहंकृति (ahaṅkṛti) – “egoista”, “orgoglioso”, ecc.
35. वैकारिक (vaikārika) – “cambiare”, “trasformare”, ecc. Qui si riferisce al Sole, nel capitolo seguente verrà spiegato come tutti gli “avatara” hanno origine dai pianeti.
36. तेजस् (tejas) – Teja, viene dalla radice tej (तेज) che significa “affilare” o “essere acuto”.
37. I tre luoghi del mondo, il mondo superiore (nord) dal tropico alle estreme latitudini nord, il mondo mediano (centro) da tropico a tropico passando per l’equatore e il mondo inferiore (sud) dal tropico alle estreme latitudini sud. Da questo è stata elaborata la dottrina del premio (paradiso) e del castigo (inferno) di tutte le religioni. Il mondo superiore è popolato dalle divinità, quello mediano dagli esseri umani e quello inferiore dai demoni.
38. जीव (jīva) – “Essere vivente”, o qualsiasi entità intrisa di “forza vitale”, che possiede l’atma il “soffio vitale”.
39. परमात्मा (paramātmā) – Qui l’antropomorfizzazione del “soffio vitale” (atma) che tutto pervade e mantiene in vita.
40. Atma e paramatma.
41. कामा (kāmā) – Al letterale “amore”. Qui indica Shiva.
42. श्रिय (śriya) – Che ha una maggiore porzione di “shri”.

ARTICOLI CORRELATI
- Link esterno -spot_img

Popolari

Commenti recenti