sabato, Maggio 21, 2022
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeBrihat Parasara Hora Shastra - ItalianoBPHS - Ora una riflessione sulla narrazione degli avatara - 002

BPHS – Ora una riflessione sulla narrazione degli avatara – 002

Brihat Parasara Hora Shastra

Sezione 2

Ora una riflessione sulla narrazione degli avatara

अथावतारकथनाध्यायः ॥२॥
athāvatārakathanādhyāyaḥ ||2||

athāvatārakathanādhyāyaḥ = ora degli avatara una narrazione e riflessione

Ora una riflessione sulla narrazione degli avatara.

रामकृष्णादयो ये ह्यवतारा रमापतेः ।
तेऽपि जीवांशसंयुक्ताः किंवा ब्रूहि मुनिश्वर ॥१॥
rāmakṛṣṇādayo ye hyavatārā ramāpateḥ |
te’pi jīvāṃśasaṃyuktāḥ kiṃvā brūhi muniśvara ||1||

rāmakṛṣṇādayo = rama, krishna, etc.; ye = quali; hyavatārā = degli avatara; ramāpateḥ = rama signore; te’pi = essere; jīvāṃśasaṃyuktāḥ = composto di una porzione di jiva; kiṃvā = se; brūhi = prego narra; muniśvara = primo tra i muni.

“O primo tra i Muni! Gli avatara1, quali Rama2, Krishna3, ecc., ti prego racconta se il signore Rama possiede una porzione di Jiva4.”

रामः कृष्णश्च भो विप्र नृसिंहः सूकरस्तथा ।
एते पूर्णावताराश्च ह्यन्ये जीवांशकान्विताः ॥२॥
rāmaḥ kṛṣṇaśca bho vipra nṛsiṃhaḥ sūkarastathā |
ete pūrṇāvatārāśca hyanye jīvāṃśakānvitāḥ ||2||

rāmaḥ = rama; kṛṣṇaśca = krishna; bho = o; vipra = eccellente; nṛsiṃhaḥ = nrisimga; = sūkarastathā = così sukara; ete = questi; pūrṇāvatārāśca = Avatara plenari e; hyanye = in effetti gli altri; jīvāṃśakānvitāḥ = coloro che sono dotati di porzione jiva.

“O vipra, Rama, Krishna, Nrisimga5 e Sukara6 in effetti sono avatara plenari. Gli altri posseggono una porzione di jiva.

अवताराण्यनेकानि ह्यजस्य परमात्मनः ।
जीवानां कर्मफलदो ग्रहरूपी जनार्दनः ॥३॥
avatārāṇyanekāni hyajasya paramātmanaḥ |
jīvānāṃ karmaphalado graharūpī janārdanaḥ ||3||

avatārāṇyanekāni = molti avatara; hyajasya = in effetti del non nato; paramātmanaḥ = il paramatma; jīvānāṃ = ai jiva; karmaphalado = da i frutti del karma; graharūpī = nella forma dei pianeti; janārdanaḥ = janardana.

Di fatto, paramatma che è il non nato7 ha originato molti avatara. Janardana8 nella forma dei pianeti elargisce i frutti del karma ai jiva.

दैत्यानां बलनाशाय देवानां बलवृद्धये ।
धर्मसंस्तापनार्थाय ग्रहाज्जाताः शुभाः क्रमात् ॥४॥
daityānāṃ balanāśāya devānāṃ balavṛddhaye |
dharmasaṃstāpanārthāya grahājjātāḥ śubhāḥ kramāt ||4||

daityānāṃ = dei daitya; balanāśāya; distrugge la forza; devānāṃ = dei deva; balavṛddhaye = accresce la forza; dharmasaṃstāpanārthāya = allo scopo di stabilire il dharma; grahājjātāḥ = dal pianeta nati; śubhāḥ = di buon auspicio; kramāt = si succedono.

Per distruggere la forza dei daitya9, per incrementare la forza dei deva, allo scopo di stabilire il dharma10. Nati dal pianeta per il buon auspicio si succedono.

रामोऽवतारः सूर्यस्य चन्द्रस्य यदुनायकः ।
नृसिंहो भूमिपुत्रस्य बुद्धः सोमसुतस्य च ॥५॥
rāmo’vatāraḥ sūryasya candrasya yadunāyakaḥ |
nṛsiṃho bhūmiputrasya buddhaḥ somasutasya ca ||5||

rāmo’vatāraḥ = rama avatara; sūryasya = del sole; candrasya = della luna; yadunāyakaḥ = il reggente degli yadu; nṛsiṃho = nrishimga; bhūmiputrasya = il figlio di bhumi; buddhaḥ = buddha; somasutasya = estratto del soma; ca = e.

Rama discende dal Sole, il capo degli Yadu11 dalla Luna, Nrisimga dal figlio della Terra12, Buddha13 dall’estratto del soma14 e

वामनो विबुधेज्यस्य भार्गवो भार्गवस्य च ।
कूर्मो भास्करपुत्रस्य सैंहिकेयस्य सूकरः ॥६॥
vāmano vibudhejyasya bhārgavo bhārgavasya ca |
kūrmo bhāskaraputrasya saiṃhikeyasya sūkaraḥ ||6||

vāmano = vamana; vibudhejyasya = del saggio maestro; bhārgavo = bhargava; bhārgavasya = da bhargava; ca = e; kūrmo = kurma; bhāskaraputrasya = dal figlio di bhaskara; saiṃhikeyasya = da saimhikeya discende; sūkaraḥ = varaha.

Vamana15 dal saggio mestro16, Bhargava da Bhargava17, Kurma18 dal figlio di Bhaskara19, da Saimhikeya20 discende Varaha21.

केतोर्मीनावतारश्च ये चान्ये तेऽपि खेटजाः ।
परात्मांशोऽधिको येषु ते सर्वे खेचराभिधः ॥७॥
ketormīnāvatāraśca ye cānye te’pi kheṭajāḥ |
parātmāṃśo’dhiko yeṣu te sarve khecarābhidhaḥ ||7||

ketormīnāvatāraśca = mina avatara da ketu; ye = questi; cānye = e gli altri; te’pi = loro in effetti; kheṭajāḥ = nati dagli astri; parātmāṃśo’dhiko = predomina il paramatma; yeṣu = tra questi; te = loro; sarve = tutti; khecarābhidhaḥ = errano nel cielo.

E Mina22 avatara da Ketu23. In effetti, questi e anche gli altri nascono dagli astri. Tutti quelli in cui predomina il paramatma sono erranti nel cielo24.

जीवांशोह्यधिको येषु जीवास्ते वै प्रकीर्तितः ।
सूर्यादिभो ग्रहेभ्यश्च परमात्मांशनिःसृताः ॥८॥
jīvāṃśohyadhiko yeṣu jīvāste vai prakīrtitaḥ |
sūryādibho grahebhyaśca paramātmāṃśaniḥsṛtāḥ ||8||

jīvāṃśohyadhiko = porzione di jiva predominante; yeṣu = tra questi; jīvāste = sono jiva; vai = vai; prakīrtitaḥ = chiamati; sūryādibho = da surya ecc.; grahebhyaśca = dai pianeti e; paramātmāṃśaniḥsṛtāḥ = le porzioni di paramatma fuoriescono.

Coloro in cui predomina la porzione di jiva (che hanno un corpo), sono jiva (esseri viventi). Coloro [in cui predomina] la porzione di paramatma, sono emersi dai pianeti, quali: il Sole, ecc.

रामकृष्णादयः सर्व ह्यवतारा भवन्ति वै ।
तत्रैव ते विलीयन्ते पुनः कार्योत्तर सदा ॥९॥
rāmakṛṣṇādayaḥ sarva hyavatārā bhavanti vai |
tatraiva te vilīyante punaḥ kāryottara sadā ||9||

rāmakṛṣṇādayaḥ = rama krishna ecc.; sarva = tutti; hyavatārā = in effetti avatara; bhavanti = loro sono; vai = vai; tatraiva = quindi in effetti; te = questi; vilīyante = loro saranno dissolti; punaḥ = ancora; kāryottara = dopo si ripete; sadā = per sempre.

Rama, Krishna, ecc., invero sono tutti avatara. Quindi, in verità essi si dissolveranno di nuovo per poi tornare e questo per sempre.

जीवांशनिःसृतास्तेषां तेभ्यो जाता नरादयः ।
तेऽपि तत्रैव लीयन्ते तेऽव्यक्ते समयन्ति हि ॥१०॥
jīvāṃśaniḥsṛtāsteṣāṃ tebhyo jātā narādayaḥ |
te’pi tatraiva līyante te’vyakte samayanti hi ||10||

jīvāṃśaniḥsṛtāsteṣāṃ = porzione di jiva fuoriesce da loro; tebhyo = da questi; jātā = nati; narādayaḥ = le persone ecc.; te’pi = questi: tatraiva = quindi in effetti; līyante = si dissolvono; te’vyakte = nell’immanifesto; samayanti = si fondono; hi = in effetti.

Quelli che mergono con una porzione di jiva nascono come persone. In effetti poi si dissolveranno per mergere nel non manifesto.

इदं ते कथितं विप्र सर्वं यस्मिन् भवेदिति ।
भूतान्यपि भविष्यन्ति तत्तज्जातन्ति तद्विदः ॥११॥
idaṃ te kathitaṃ vipra sarvaṃ yasmin bhavediti |
bhūtānyapi bhaviṣyanti tattajjātanti tadvidaḥ ||11||

idaṃ = questo; te = quello; kathitaṃ = che detto; vipra = è verità; sarvaṃ = tutto: yasmin = ogni cosa; bhavediti = dovrebbe essere; bhūtānyapi = degli esseri; bhaviṣyanti = che vengono; tattajjātanti = quello di questi sapremo; tadvidaḥ = conosceremo.

In verità tutto questo dovrebbe essere. Conoscendo questo, conosceremo i particolari degli esseri che verranno all’esistenza.

विना तज्ज्यैतिषं नान्यो ज्ञातुं शक्नोति कर्हिचित् ।
तत्मादवश्यमध्येयं ब्राह्मणेश्च विशेषतः ॥१२॥
vinā tajjyaitiṣaṃ nānyo jñātuṃ śaknoti karhicit |
tatmādavaśyamadhyeyaṃ brāhmaṇeśca viśeṣataḥ ||12||

vinā = senza; tajjyaitiṣaṃ = quest scienza della divinazione; nānyo = no altro; jñātuṃ = conoscere; śaknoti = abile; karhicit = mai; tatmādavaśyamadhyeyaṃ = quindi, necessariamente va studiata; brāhmaṇeśca = dai brahmana e; viśeṣataḥ = principalmente.

Senza questa scienza per la divinazione non è possibile conoscere altro. Pertanto, deve essere attentamente studiata principalmente dai Brahmana.

यो नरः शास्त्रमज्ञात्वा ज्यौतिषं खलु निन्दति ।
रौरवं नरकं भुक्त्वा चान्धत्वं चान्यजन्मनि ॥१३॥
yo naraḥ śāstramajñātvā jyautiṣaṃ khalu nindati |
rauravaṃ narakaṃ bhuktvā cāndhatvaṃ cānyajanmani ||13||

yo = colui; naraḥ = la persona; śāstramajñātvā = che non conosce lo shastra; jyautiṣaṃ = relativo al sapere della divinazione; khalu = in effetti; nindati = insultato è lui; rauravaṃ = nel raurava; narakaṃ = la persona relegata; bhuktvā = dopo aver sofferto; cāndhatvaṃ = senza vista; cānyajanmani = rinascerà.

Una persona che non conosce lo shastra25 sul tema della divinazione deve vergognarsi. Questa persona dopo essere imprigionata e aver sofferto in Raurava26 rinascerà cieco.


NOTE:

1. अवतार (avatāra) – Al letterale “colui che discende”.
2. राम (rāma) – L’eroe del Ramayana.
3. कृष्ण (kṛṣṇa) – Al letterale “scuro”, il nome è dovuto al colore “nero” della pelle.
4. जीव (jīva) – l’essere vivente, un corpo dotato di “atma” (respiro).
5. नृसिंह (nṛsiṃha) – Da “nri” (uomo) e “simga” (leone).
6. सूकर (Sūkara) – Sinonimo di Varaha l’avatara cinghiale.
7. Qui è sinonimo di Vishnu.
8. जनार्दन (janārdana) – Epiteto per Vishnu.
9. दैत्य (daitya) – Generalmente i figli di Diti, qui sono sinonimo di “asura”, sempre in lotta con i “sura” (deva) per il possesso della luce solare. Con il tempo sono divenuti le forze della luce (angeli) e le forze delle tenebre (demoni) di tutte le religioni. Leggi: “Il mito astronomico del frullamento dell’oceano”.
10. धर्मा (dharmā) – Riguarda le leggi della natura. Esempio il dharma dello zucchero è di essere dolce, quello del fuoco di essere caldo e luminoso, ecc.
11. Krishna.
12. Marte.
13. बुद्ध (buddha) – Buddha in sanscrito è Mercurio. Budhavasara = il giorno di Mercurio (mercoledì).
14 Mercurio.
15. वामन (vāmana) – L’avatara nano.
16. Giove.
17. भार्गव (Bhārgava) – uno dei nomi del pianeta Venere.
18. कूर्म (kūrma) – L’avatara tartaruga.
19. भास्कर (bhāskara) – Il “brillante”, il “risplendente”, epiteto per il Sole.
20. सैंहिकेय (saiṃhikeya) – Al letterale “colui che è il figlio di Simhika” ed è usato per descrivere Rahu (nodo lunare nord).
21. वराह (varāha) – l’avatara cinghiale.
22. मीन (mīna) – L’avatara pesce.
23. केतु (Ketu) – Nodo lunare nord (il “cauda draconis” dei latini)
24. Gli astri posseggono il paramatma quindi sono divinità (divinità = antropomorfizzazione degli astri, ma anche degli elementi, della natura, così le rappresentazioni zooforme).
25. शास्त्र (śāstra) – manuale che tratta un argomento specifico.
26. रौरव (raurava) – Nome di uno degli inferni di fuoco, il più comune, proprio di altre religioni.

ARTICOLI CORRELATI
- Link esterno -spot_img

Popolari

Commenti recenti