ANTICHI TRATTATI

I GRANDI AUTORI

Sanscrito, translitterazione e traduzione

मन्त्रि पुरोहित सखः सामान्येष्व् अधिकरणेष्उ
स्थापयित्वा‍अमात्यान् उपधाभिः शोधयेत् ॥ १ ॥

mantri purohita sakhaḥ sāmānyeṣv adhikaraṇeṣu
sthāpayitvā-amātyān upadhābhiḥ śodhayet || 1 ||

Assistito dal primo ministro (mantri) e dal sommo sacerdote, il re, attraverso tentazioni, esamina il carattere dei ministri (amátya) nominati nei dipartimenti governativi di ordinaria natura (Artha Shastra 10:1).

I legislatori hanno stabilito che fra gli animali che hanno cinque artigli, il riccio, il porcospino, il coccodrillo del Gange, il rinoceronte, la tartaruga e la lepre sono permessi, cosi come tutti gli animali che hanno una sola fila di denti eccetto il cammello…

ARTHA SHASTRA

Assistito dal consiglio dei ministri il re procederà a creare spie: “Spie sotto le spoglie di un discepolo fraudolento, di un recluso, di un capofamiglia, di un mercante, di un asceta, di un collega o compagni di classe, di un avvelenatore e di una donna mendicante…

SATAPATHA BRAHMANA

Ognuno dei due sacrifici di metà mese, la cui regola di esecuzione è prescritta per il capofamiglia, per un periodo di trentanni contati dalla prima esecuzione della cerimonia chiamata agny-adhana, o accensione del fuoco. Alcune autorità propongono di eseguirla per tutta la vita…

ARTICOLI CORRELATI

Le leggi di Mosè

Le bestie selvagge e gli uccelli di cui è permesso l’uso possono essere uccisi dai Brahmani, per il sacrificio e per il nutrimento di quelli che essi devono mantenere: Agastya l’ha fatto molte volte. In verità, si presentava a Dio carne di bestie selvagge e di uccelli permessi dalla legge, negli antichi sacrifici e nelle offerte fatte da Brahmani e da Kshatriya (Manu Smriti 5:22-23)

Il re deve licenziare un sacerdote accusandolo di atti biasimevoli. Allora il sacerdote-spia, per mezzo di informatori travestiti da compagni di classe (satri), istigherà i ministri, dicendo sotto giuramento: “questo re è ingiusto, sostituiamolo con un re che è giusto, nato nella stessa famiglia, o che è prigioniero, o un arrampicatore (aupapádika), questo tentativo ci soddisferà tutti, cosa pensate? Se uno o tutti i ministri rifiutano, saranno considerati puri. Questo è ciò che viene definita alleanza religiosa.
Un militare-spia, un capo dell’esercito, congedato dal servizio per aver fatto cose riprovevoli (asatpragraha) può, attraverso un gruppo di spie sotto le spoglie di compagni di classe (satri), incitare i ministri ad uccidere il re in vista di acquisire ricchezze, a ogni ministro viene chiesto: “questo tentativo ci soddisferà tutti, cosa ne pensate?” Se rifiutano, devono essere considerati puri. Questa è ciò che viene definita alleanza monetaria.
Una donna-spia sotto le spoglie di un asceta e molto stimata nell’harem può sedurre i ministri, dicendo: “la regina è innamorata di voi e vi vuole in camera sua; oltre a questo, c’è anche la sicurezza di grandi guadagni”. Se rifiutano la proposta, sono puri. Questa è ciò che viene definita alleanza amorosa (Artha Shastra 10:2-4)

ESSERE DIFFERENTI

Possibile fonte della Genesi biblica

Le acque furono chiamate Nàrà e le acque essendo state la sede prima (ayana) di Nara fu questi chiamato Narayana (COLUI CHE STA SOPRA LE ACQUE). (Manu Smriti 1:10)

Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso E LO SPIRITO DI DIO ALEGGIAVA SULLE ACQUE. (Gen. 1:2 CEI74)

Ecc., ecc.

Allora il Maharishi Brigu cosi interrogato da Manu disse benevolmente a tutti i Rishi: Udite. Da questo Manu sorto dall’Ente ch’esiste per sé discendono sei altri Manu i quali diedero vita alle creature. Erano essi dotati d’anima nobile e di suprema potenza: Svarokicha. Ottami, Tamasa, Raivata, il glorioso Kakchoucha ed il figlio di Visvasvat. Questi sette Manu onnipotenti, di cui Svayambhuva è il primo, hanno ognuno durante il loro periodo prodotto e diretto questo mondo composto d’esseri mobili ed immobili (Manu Smriti 1:60-63).

Il termine Manvantara, al letterale significa “un altro Manu”, quindi un altro patriarca o patriarcato. Le parole uomo, umano, umanità, ecc., hanno tutte origine da Manu, seguendo la logica di questi insegnamenti, possiamo identificare l’Adamo biblico come uno dei sette Manu, di cui parlano le scritture vediche, il Dio biblico comincia a creare partendo dalle acque, e attraverso il Surya Siddhanta, sappiamo che il succedersi di ogni Manvantara è caratterizzato da un “Diluvio”.
I Manvantara sono strutturati come un “giorno” dotato di “alba” e “tramonto”. Oggi viviamo nel settimo Manvantara.

Settantuno (circa 72) Mahayuga compongono un Manvantara, il suo nascere e il suo tramonto, hanno una durata simile a quella di un Kritayuga (1728000 anni), Alla fine di ogni Manvantara piove, avviene un Diluvio. Quattordici Manvantara (completi di “Sandhya”, albe e tramonti), compongono un Kalpa: (Surya Siddhanta 1:18-19)

Quella dei “cicli cosmici” non è una cosa sconosciuta all’ebraismo. E’ nota come la dottrina delle “Shemittot“. Fatta di grandi ere, che venivano frazionate in ere più piccole.
E fu sera e fu mattina, quello fu il primo “yom”, poi fu di nuovo sera e di nuovo mattina, quello fu il secondo “yom”, e cosi via per sei volte fino al settimo, noi viviamo nel settimo “yom“. I termini sera-mattina hanno portato alla traduzione dell’ebraico yom con “giorno”. Il termine ebraico, ha una certa assonanza con il sanscrito “yuga’ che si traduce con “era”.
Il termine Adam, sembra essere un plurale, di sicuro fa riferimento ad adamah, la terra da cui gli umani sono stati creati, ma potrebbe leggersi anche come “terreno” o ‘terrestre”, “terrestri” se si vuole mantenere il plurale.

STRUTTURA DEI MANVANTARA

Il racconto biblico della creazione, lascia intendere che sono trascorsi 6 Yom (6 Manvantara) e che ora viviamo nel settimo, dove il trascorrere lento del tempo, fa sembrare che Dio si stia prendendo una pausa, un periodo di riposo (il settimo giorno riposerai), ma in realtà’ l’opera del manifestare è continua e andrà avanti ininterrotta fino al quattordicesimo Yom.