LE LEGGI DI MANU
Istituzioni religiose e civili dell’India primitiva
Traduzione di Carlo Vicenzi (1904)

Le acque furono chiamate Nàrà e le acque essendo state la sede prima (ayana) di Nara fu questi chiamato Narayana (COLUI CHE STA SOPRA LE ACQUE). (Manu Smriti 1:10)

Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso E LO SPIRITO DI DIO ALEGGIAVA SULLE ACQUE. (Gen. 1:2 CEI74)

L’UNIVERSO NON ERA CHE TENEBRE; non poteva né essere percepito, né conosciuto; non poteva esser scoperto dal ragionamento né essere rivelato: sembrava immerso nel sonno. Allora il potere ch’esiste di per sé e non è alla portata dei sensi esteriori, rendendo visibile questo mondo con i cinque elementi e gli altri grandi principi risplendenti dello splendore più puro, apparve E DISSIPÒ LE TENEBRE. (Manu Smriti 1:5-6)

Dio disse: “SIA LA LUCE!”. E la luce fu. (Gen. 1:3 CEI74)

LE LEGGI DI MANU

LA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra fantastica newsletter.

Thank you for your message. It has been sent.
There was an error trying to send your message. Please try again later.